"No hay porvenir sin Marx. Sin la memoria y sin la herencia de Marx: en todo caso de un cierto Marx: de su genio, de al menos uno de sus espíritus. Pues ésta será nuestra hipótesis o más bien nuestra toma de partido: hay más de uno, debe haber más de uno." — Jacques Derrida

29/12/14

L’uomo e lo Stato in Karl Marx & Friedrich Engels

Friedrich Engels & Karl Marx
✆ J. Stephensson
1. Lo Stato di classe                                                                                                            Sebastiano Ghisu

Uno delle teorie più consolidate della tradizione marxista – e comunque di una sua parte importante – è senz’altro quella secondo cui lo Stato, inevitabilmente, nel momento stesso in cui diviene realmente «rappresentante di tutta la società», si estingue. Scrive Engels in un celebre e citatissimo passaggio: Il primo atto con cui lo Stato si presenta realmente come rappresentante di tutta la società, cioè la presa di possesso di tutti i mezzi di produzione in nome della società, è nello stesso tempo l’ultimo suo atto indipendente in quanto Stato. L’intervento di una forza statale nei rapporti sociali diventa superfluo in un campo dopo l’altro e viene poi meno da se stesso. Al posto del governo sulle persone compare l’amministrazione delle cose e la direzione dei processi produttivi. Lo stato non viene “abolito”: esso si estingue.

Come si vede, lo Stato di cui qui si parla è parte del conflitto sociale o piuttosto: nel conflitto sociale. È anzi da esso nutrito, legittimato, sorretto: se appare come il rappresentante di tutta la società, ed estraneo dunque al conflitto, è soltanto perché rappresenta in realtà la sola classe dominante.

Leggiamo ancora:
Lo Stato era il rappresentante ufficiale dell’intera società, la sua sintesi in un corpo visibile, ma lo era solo in quanto Stato di quella classe che per il suo tempo rappresentava, essa stessa, tutta quanta la società: nell’Antichità era lo Stato dei cittadini padroni di schiavi, nel Medioevo della nobiltà feudale, nel nostro tempo della borghesia. Nel momento in cui, infine, diviene effettivamente il rappresentante dell’intera società, si rende, esso stesso, superfluo. Non appena non vi saranno più classi sociali da mantenere nell’oppressione, non appena con il dominio di classe e della lotta per l'esistenza individuale fondata sull’anarchia della produzione finora esistente, verranno eliminati anche le collisioni e gli eccessi che sorgono da tutto ciò, non ci sarà più niente da reprimere di ciò che rendeva necessaria una forza repressiva particolare, uno Stato (MEW 20, 261sg.).
Lo Stato è proprio questa «forza repressiva particolare (besondre Repressionsgewalt)» e non la semplice organizzazione o amministrazione della società (che non è di per sé “Stato”). Allo Stato viene dunque attribuito, storicamente, un ruolo esclusivamente repressivo o coercitivo, legato alla forza, alla violenza, al conflitto. Esso è lo spazio del politico, che la modernità (diversamente, ad esempio, dal mondo antico) fa coincidere, per l’appunto, con il conflitto, la violenza, la forza (e non semplicemente con il comune essere in società e la sua amministrazione). È questa l’idea del politico cui Marx ed Engels implicitamente ricorrono ed è da quest’idea che discende ml’idea e, di conseguenza, il loro concetto di Stato.

Scriverà Engels nel 1883, ricordando il suo antico compagno di viaggio e di avventura intellettuale,
Marx ed io siamo stati dell’avviso, fin dal 1845, che una delle conseguenze ultime della futura rivoluzione proletaria sarà la progressiva dissoluzione dell’organizzazione politica indicata con il nome Stato. Lo scopo principale di tale organizzazione è sempre stato quello di garantire, attraverso la violenza armata, l’oppressione economica della maggioranza lavoratrice da parte di una minoranza soltanto facoltosa. Con lo scomparire di una minoranza soltanto facoltosa scompare anche la necessità di un potere armato statale o repressivo. (MEW 19, 344).
In effetti, come già scriveva Marx nel Secondo abbozzo su “La guerra civile in Francia” del 1871, «il potere statale è sempre stato il potere di affermare  l’ordine, vale a dire l’ordine sociale sussistente e quindi la subordinazione e sfruttamento della classe dei produttori attraverso la classe dei proprietari» (MEW 17, 593).

Engels, di nuovo, nell’opera esplicitamente dedicata alla genesi dello Stato (L’origine della famiglia, della proprietà privata e dello Stato del 1884) precisa ancora che lo Stato si è originato dal bisogno di «tenere a bada i contrasti di classe, essendo esso contemporaneamente sorto nel mezzo del conflitto di queste classi». In tal senso, lo Stato è «di norma lo Stato della classe più potente ed economicamente dominante, che diviene quindi grazie ad esso anche la classe politicamente dominante e ottiene così nuovi strumenti per la soggezione e lo sfruttamento della classe oppressa» (MEW 21, 166sg.). Lo Stato, insomma,
«non è affatto un potere imposto alla società dall’esterno, tanto meno è “la realtà dell’idea etica”, “l’immagine e la realtà della ragione”, come asserisce Hegel. È piuttosto un prodotto della società ad un determinato livello di sviluppo; è l’ammissione che questa società si è invischiata in una insanabile contraddizione con se stessa, si è divisa in contrapposizioni inconciliabili che non è in grado di evitare. Affinché tuttavia queste contrapposizioni, le classi con interessi economici contrastanti, non consumino se stesse e la società in una lotta infruttuosa, è divenuta necessario un potere che stia apparentemente al di sopra della società, che deve attenuare il conflitto e tenere “l’ordine” all’interno di certi limiti; e questo potere che scaturisce dalla società, ma che si colloca al di sopra di essa, e da essa si estranea sempre più, è lo Stato (MEW 21, 165)2.
Sommario
1. Lo Stato di classe
2. Lo Stato come oggettivazione dell’uomo
3. L’uomo come effetto
4. Le «robinsonate», ovvero le teorie ideologiche dello Stato
5. Estinzione dello Stato?
6. Idea e concetto di Stato
 
  Testo in PDF | 11 pp.





http://www.giornalecritico.it/

____________________________________

Notas sobre Marx, Engels y el marxismo

A los 100 años de su nacimiento, la obra de Eric Hobsbawm sigue siendo referente – La Vanguardia
Eric Hobsbawm: El último marxista de occidente — Milenio
Eric Hobsbawm, el historiador marxista que explicó el siglo XX — Diario de Sevilla
Romain Chiron: Bobigny: La cité Karl Marx se réinvente en quartier résidentiel — Le Parisien
Maciek Wisniewski: Tres despachos sobre György Lukács – La Haine
Quand Youssef Chahed cite Karl Marx (Video) – Huffington Post
Michael Heinrich - Entretien réalisé et traduit par Jérôme Skalski: «Avec Marx, on ne peut pas séparer la vie et l’œuvre» - L’Humanité
Jérôme Skalski: Lire "Le Capital", un appel au possible du XXIe siècle - L’Humanité
Face aux impostures libérales, Marx, penseur capital - L’Humanité
Karl Marx en el diván: la psiquiatría franquista como arma — El País
Andrea Vitale: Lo spettro di Marx — Operai Contro
Daniel Álvaro: El problema de la comunidad. Marx, Tònnies, Weber (PDF) — Dialnet, Universidad de La Rioja (*)
Marx y la Teoría del Derecho — Scribd
El marxismo y los juegos malabares — Diario de Jerez
Jorge Ortega Reyna & Víctor Hugo Pacheco Chávez: John Berger: Un marxismo para el mañana — Memoria
Roberto Fineschi: El Capital tras la edición histórico-crítica — Viento Sur
Jérôme Skalski: El Capital: una obra colosal“para desenmascarar un sistema completo de falsas percepciones” [Entrevista con Michael Heinrich] — Viento Sur
Daniela Gros: Il giovane Karl Marx — Moked
Saoudi Abdelaziz: 1882. Karl Marx se fait couper la barbe à Alger — Le blog de algerie-infos
Jaime Osorio: La teoría marxista de la dependencia revisitada — Viento Sur
Andrés Arnone: Naturaleza y economía en Marx y Engels: de procesos naturales y construcciones sociales — La Izquierda Diario
Gustau Nerín: El 'Manifiesto comunista' de Marx y Engels, vuelve — El Nacional.cat
Luigi Mascheroni: Che borghese quel Karl Marx. Parola di Morselli — Il Giornale
Eros Barone: Il segreto del potere capitalistico — Varese News
Luis Escalante: El hondureño que le escribió a Karl Marx — Hablemos de Honduras
José Roberto Herrera Zúñiga: El terrorismo individual: un análisis desde el marxismo clásico — Universidad de Costa Rica
Albert Sáez: Salarios y beneficios — El Periodico.cat
Tres marxistas negros, las sociedades de color y el marxismo en Cuba (1940-1961) — Rebelión
Juan J. Paz y Miño cuenta algo insólito en Ecuador: Marxismo probancario — El Telégrafo
André Tosel: Marxismos, neo-marxismos y post-marxismos — Viento Sur
Mathieu Ait Lachkar: Jeunes en campagne : Amin, de Karl Marx à Jean-Luc Mélenchon — Ouest-France
Anne Dolhein: La Chine offre une statue de Karl Marx à la ville de Trèves en Allemagne — Reinformation
Karl Marx y Friedrich Engels, los padres del socialismo científico — Guerrero Liberación
Rodolfo Salazar González: Resurgimiento de Karl Marx — Buenos Días Tamaulipas
Marcelo Pereira: El Manifiesto del Partido Comunista es Un gran relato — La Diaria
Les jeunes années de Karl Marx au cinéma — Arte TV
José Pablo Noriega de Lomas, Universidad de Oviedo: Marx y Engels: Dos sistemas materialistas diferentes (PDF) — Dialnet, Universidad de La Rioja (*)
Carlos Prieto: Un icono pop llamado Karl Marx — El Confidencial
Benjamin Edgard: Notre ennemi le Capital — Le Comptoir
Jonathan Martineau y el feminismo marxista a escala internacional: 1) Intersección, articulación: el álgebra feminista — Marxismo Crítico / 2)Intersection, articulation : l’algèbre féministe — Période
Rodolfo Salazar González: Karl Marx, un filósofo legendario — Noticias de Tampico
Jotave: El Capital / Sesquicentenario de un libro que influye en el acontecer — La Arena
Gauthier Ambrus: Trump, Marx et la mondialisation. Quand l’auteur du «Capital» renvoie Chine, Europe et Amérique dos-à-dos — Le Temps
Gabriel Vargas Lozano & Raúl Páramo Ortega: Marx y Freud: Hacia una Nueva Racionalidad de la Sociedad y de la Historia. Presentación editorial del libro — México es Cultura
Iris de la Cruz Saborit & Liz Armas Pedraza: Pensamiento Crítico: una revista de todos los tiempos, exponente del marxismo en Cuba a fines de los 60 — Cuba Ahora
Andrei Martínez Finkelshtein: ¿Es cierto que Karl Marx se dedicaba a las matemáticas en su tiempo libre? — Quora
Jaime Corena: El verdadero Trump visto desde Marx — La Haine
Guía para el estudio del Manifiesto del Partido Comunista de Marx y Engels — Fiuxy
Horacio González y Eduardo Grüner reflexionan sobre los 150 años de El Capital: Un campo de batalla para los debates — Página 12
Cinzia Romani: Un Marx sexy e pop per spiegarlo ai giovani globalizzati — Il Giornale
Sarah Jaffe: El surgimiento de la izquierda estadounidense: del Marxismo a la Resistencia ante Trump — TeleSur
__________________
(*) Acceso indirecto